MIC TOCC – ECO GREEN CARD

Ecco le iniziative gratuite per la sostenibilità della tua attività! 

Gestisci un’impresa, un’associazione o una organizzazione attiva nel settore culturale o creativo?
Ti proponiamo un programma di iniziative utili per la transizione green della tua organizzazione.

GREEN EDUCATION 

Corsi di informazione & formazione per il miglioramento della sostenibilità ambientale della tua organizzazione

FESTIVAL ECOINSIEME 

Il Festival delle pratiche e delle innovazioni, per garantirti risultati di sostenibilità sempre migliori. 

OBIETTIVO SUMA

La formazione specialistica per creare la figura professionale del SUstainability MAnager in azienda.

SUMA PER TE

Il canale gratuito di consulenza tecnica all’innovazione per la sostenibilità della tua organizzazione.

Con il progetto Green Card – passaporto di sostenibilità, introduciamo l’open innovation come approccio aziendale capace di attivare collaborazione e scambio di conoscenze, idee e risorse con attori esterni, come altre aziende, istituzioni accademiche o enti governativi, per sviluppare nuovi prodotti, servizi o processi. La metodologia open innovation si fonda sul protagonismo pieno di ogni partecipante, evitando ogni tentativo o pericolo di imposizione di modelli dominanti o monopolizzanti. Lo scambio di conoscenze e il trasferimento di competenze, metodologico e tecnologico dovrà avvenire in maniera orizzontale, verticale e diagonale.

Applicata alla transizione ecologica delle piccole imprese nel settore culturale e creativo, l’open innovation consente di accedere a nuove tecnologie, a competenze e a risorse finanziarie al di fuori dei confini aziendali.

Partecipazione a piattaforme collaborative, creazione di partenariati con organizzazioni ambientali, coinvolgimento delle comunità locali per sviluppare soluzioni sostenibili, sono soltanto alcune delle soluzioni di open innovation vantaggiose per il settore. Lo scambio di esperienze positive (best practices) e la co-creazione di soluzioni innovative per affrontare le sfide ambientali, consentono alle imprese di adattarsi più rapidamente alle richieste del mercato e di contribuire in modo più significativo alla transizione ecologica.

Destinatari dell’iniziativa

Micro e piccole imprese /organizzazioni di natura lucrativa e del terzo settore (imprese sociali) e piccole associazioni e gruppi che organizzano produzioni culturali e che vogliono maturare una sufficiente consapevolezza degli impatti ambientali derivanti e acquisire competenze e strumenti per prevenire o mitigare gli impatti ambientali negativi, in base alle prescrizioni normative europee e italiane

Settori di attività
  • Audiovisivo, produzioni radiofoniche e podcast (film/cinema, televisione, videogiochi, software e multimedia);
  • Eventi, Spettacoli e Festival dal vivo;
  • Promozione e esposizione di Arti visive: gallerie, fondazioni, agenzie di creatività artistica, ecc.;
  • Archivi, biblioteche e musei con Patrimonio culturale materiale e immateriale: libri, documenti legali, emeroteche;
  • Musei arte e monumenti, moderni e contemporanei, parchi e musei scientifici;
  • Editoria;
  • Istruzione, formazione, gamification, … 

Un’attenzione particolare è rivolta alle imprese giovanili e alle imprese femminili della filiera poiché la sensibilità di tali categorie di attori al problema ambientale è certamente più elevata e, in un processo peer to peer possono diventare portatrici/alleate di un messaggio di consapevolezza che potrà diffondersi con maggiore efficacia anche all’interno delle giovani generazioni. 

Approfondimenti metodologici

>>Il Capacity Building secondo le linee metodologiche del MIC / Finalità e obiettivi dell’avviso pubblico (approfondisci)

>>Perché integrare la sostenibilità ambientale nella filiera produttiva culturale e creativa (approfondisci)

>>Applicare l’Open Innovation alle produzioni culturali e creative (approfondisci)

“PROMUOVERE LA RIDUZIONE DELL’IMPRONTA ECOLOGICA DEGLI EVENTI CULTURALI FAVORENDO L’INCLUSIONE DI CRITERI SOCIALI E AMBIENTALI NELLE POLITICHE DEGLI APPALTI PUBBLICI, ORIENTANDO COSÌ LA FILIERA VERSO L’ECOINNOVAZIONE DI PRODOTTI E SERVIZI”

Finanziamento: UNIONE EUROPEA – NextGenerationEU 
Soggetto attuatore: Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura
Soggetto gestore: Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo di impresa Invitalia Spa

Soggetto realizzatore: Consorzio FORMA | NAPOLI